Il gioco può causare dipendenza e vietato ai minori
Consulta le probabilità di vincita sul sito del concessionario ADM

Per fine settimana (venerdì), il consiglio dei Ministri (con ha capo il leader Mario Monti) ha come uno oggetti di discussione di giornata, l’esame del DL in materia fiscale, per quanto riguarda le relative norme dei giochi sul territorio italiano. Analizziamo ora l’oggetto di discussione e quali sono i provvedimenti, ovviamente Venerdì prossimo, il Consiglio dei Ministri esaminerà un decreto legge in materia fiscale, che conterrà diverse norme relative al mercato dei giochi in Italia. Vediamo insieme quali sono i provvedimenti che saranno all’ordine del giorno.

Senza sosta il lavoro dei Ministri con a capo il Prof. Mario Monti per dare più stabilità e cosa principale più risorse alla economia in Italia. Il consiglio dei Ministri dovrà anche  affrontare l’argomento per quanto riguarda il settore dei giochi (visto le somme). Le voci di corridoio parlano di tre mosse pratiche: disciplina, controllo e non possono mancare le imposte.

La disciplina: se il DL dovesse raggiungere l’approvazione, l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS) e quindi il suo sito ufficiale, avrebbe valore legale allo stesso modo della Gazzetta Ufficiale. Questo vuole dire che gli adottati provvedimenti dai Monopoli assumerebbero una versione ufficiale, già dall’istante in cui avverranno le relative pubblicazioni sul sito AAMS. Inoltre, per quanto concerne il rilascio delle licenze (concessioni), l’AAMS dovrà sempre fare riferimento al “Consiglio di Stato”, e rimanere in attesa di accettazione.

Il controllo: attenzione ancora maggiore da parte dell’Amministrazione dei Monopoli di Stato, che sarà autorizzata a mandare personale qualificato in incognita ad effettuare dei controlli nelle sale da gioco. Inoltre un rafforzamento delle misure “anti mafia”: un’esclusione dal settore dei giochi a persone che hanno legami di parentale fino di 3° grado con persone indagate, condannate o solo imputate per reati di riciclaggio e criminalità organizzata.

In aggiunta, anche l’obbligo di certificazioni anti-mafia per parenti e coniugi, anche in questo caso sino al 3° grado, dei responsabili di aziende e societari. Le tasse: il DL fiscale tratterà anche la ormai nota (a tanti) la “tassa sulla fortuna”. Su questo argomento le discussione sono molte accese, infatti, il Tar del Lazio ne ha stoppato l’esecuzione per quanto riguarda il gioco effettuato con le New Slot (VLT).

Comunque, l’inserimento di questa tassa nel DL occorre a garantire un copertura normativa. Rimanendo nell’argomento “Tasse” (che interessa a tutti), i rumor fanno capire, che il prelievo unico sulle New Slot (Vlt) e sulle video-lottery non dovrebbe rimanere inalterato.